A giugno del 2017, la BBC ha pubblicato uno studio realizzato dall’Università di Edimburgo che metteva in guardia sul tempo trascorso da seduti di una fascia d’età di lavoratori che va da 45 ai 54 anni. Secondo questo studio, gli over 75enni passano meno tempo da seduti rispetto ad una grande parte degli impiegati scozzesi.

Le conseguenze sulla salute sono impressionanti poiché si parla di aumento del rischio di diabete di tipo II, di malattie cardiovascolari e addirittura di cancro.

Spazio di lavoro del futuro – tendenze

Lo spazio di lavoro del futuro necessariamente deve prendere la strada opposta, guarire al posto di ammalare.

I progettisti degli spazi per ufficio stanno prendendo da tempo le contromisure, per cui molte delle tendenze che trovi proseguendo la lettura, sono il presente delle aziende più lungimiranti.

In alcuni casi noterai che gli stili che hanno fatto moda negli ultimi 15 anni, stanno per essere abbandonati, e la ragione è molto più seria di una semplice tendenza di design.

Il Design Biofilo

Se ne parla da diverso tempo, più che una tendenza la si può considerare una conquista per il design degli spazi ufficio. Gli elementi della natura entrano in ufficio e portano maggiore produttività (8% in più) e benessere (13% in più), lo dice lo Human Space report in uno studio approfondito che oggi rappresenta il principale contributo per il design biofilo.

Non solo piante ma l’essenza della natura fatta di curve, di riciclaggio, di materiali legati al territorio, di scelte green.

Gli elementi della natura entrano in ufficio e portano maggiore produttività e benessere

Lo spazio come prolungamento dell’ambiente esterno

Le ricerche descrivono il mondo del futuro ed è così anche per gli spazi lavorativi. Gli uffici hanno lo scopo di facilitare lo svolgimento delle diverse attività. La concentrazione, la collaborazione e l’accoglienza determinano risultati migliori. Uno di questi fattori è anche la felicità, intesa come motore a cui l’individuo attinge per ottenere migliori prestazioni.

La filosofia dello spazio ufficio positivo spinge il rapporto tra dovere e piacere ad un livello prima d’ora sconosciuto.

Il ruolo dei colori e della suddivisione flessibile, avvicinano le persone e le rendono più confidenti nel proprio potenziale.

La tendenza minimalista del grigio cemento, vedi la sede e gli store della Apple, ha lasciato definitivamente il posto alle trame della natura, nei tessuti e nei materiali, come anche nei colori in contrapposizione con l’austerità ed il narcisismo monumentale. Un ambiente più ludico per promuovere la creatività e il confronto.

Un ambiente più ludico per promuovere la creatività e il confronto

Flessibilità

L’ufficio diventa un luogo agile e mutevole, proprio com’è lo stato d’animo.

Ha più senso parlare di open space, di spazio breakout?

L’ufficio diventa un luogo agile e mutevole, proprio com’è lo stato d’animo. L’ambiente diventa personalizzabile e le funzioni interattive predominano.

L’assunto sta proprio nella natura del futuro del lavoro, che appare mutevole ed interpretabile, allo scopo di avvantaggiarsene, ragion per cui un’ondata di nuova tecnologia non deve portare e ripensare tutto da capo.

La salute mentale al centro della ricerca

Perché il quartiere generale di Google a Londra ha inserito un campo da basket nel lay out?

Alla base di questo genere di scelte c’è la necessità di concedere dei break dal lavoro con un impatto formidabile.

Google a Londra ha inserito un campo da basket nel lay out

La domanda che si saranno posti è la seguente: basta una postazione dove bere il caffè e chiacchierare per staccare dalle attività dell’ufficio? Probabilmente per portare la mente fuori dall’ufficio occorre dotarlo di una muscolatura di leisure senza mezzi termini.

Se alla base di tutto ciò è provato che la mente umana, per poter esprimere alti livelli di concentrazione, ha bisogno di staccare, allora bisogna pensare in maniera più seria a ciò che si intende per spazio breakout, tutto ciò farà tendenza.

La luce

Il concetto che la luce naturale che segue i suoi cicli, sia da preferire a quella fredda artificiale è ormai un must della moderna architettura per interni. Le ricerche ci forniscono maggiori contributi in tal senso e cercano di portarci verso una maggiore consapevolezza.

Secondo gli standard dell’IWBU, International Well Building Institute’s, i dipendenti diventano meno produttivi se posti ad una distanza superiore ai 7,5 metri dalla finestra.
Il motivo sta nella riduzione di ansia e stress come diretta conseguenza della produzione di vitamina D.

I raggi solari possono penetrare anche dai lucernai, gli uffici possono essere illuminati da lampadine a spettro naturale.

Tutti accorgimenti che danno una risposta concreta per l’individuo e che parte dal design intelligente.

Individualità

Sembra quasi un assurdo parlare di individualità in un mondo Social dove il lavoro lo si fa più spesso di prima, nei brainstorming o nelle sedute di audit. Il punto è arrivare a contribuire al bene aziendale mediante la propria energia e individualità.
I dati delle ricerche dimostrano come lo spazio di lavoro del futuro sia più che mai al centro della redditività dell’impresa.
La diversità e l’inclusione sono un patrimonio di ciascuna azienda poiché questa prospera solo quando produce servizi e prodotti migliori se non innovativi.

Il punto è arrivare a contribuire al bene aziendale mediante la propria energia e individualità.

Può il design mettere a proprio agio un dipendente in modo che questo possa pensare in modo propositivo al proprio lavoro? E’ la sfida che queste tendenze future cercano di scoprire.

contribuire al bene aziendale mediante la propria energia e individualità

Menu